Torno alla ribalta con un nuovo post, breve ma intenso, per annunciarti una novità: quest’anno sarò una delle blogger ufficiali del Gluten Free Expo! Giunta alla sua sesta edizione, questa fiera internazionale del senza glutine si terrà dal 18 al 21 novembre a Rimini e, per la prima volta, sarà affiancata dal Lactose Free Expo. Come sai se segui il mio blog da un po’, da quando ho scoperto la sensibilità al glutine vado tutti gli anni a visitare questo interessante evento – e scopro sempre qualcosa di nuovo, qualche azienda meritevole, qualche prodotto di cui innamorarmi. Sai anche quanto sono esigente in termini diScopri di più!

Sono molto felice di poter annunciare anche qui che il 6 maggio, a Ravenna, si terrà un convegno  che ho contribuito ad organizzare per conto dell’A.P.E. Onlus, associazione di cui faccio parte come volontaria da alcuni anni – ricordate? Ve ne ho già parlato qui e qui. Si tratterà di un evento decisamente interessante per tutte coloro che soffrono di endometriosi ma anche per gli addetti ai lavori o i familiari che desiderino sapere qualcosa di più sull’argomento, per comprendere e aiutare al meglio le proprie pazienti o mogli/sorelle/figlie/amiche. Saranno presenti il dottor Mabrouk, ginecologo al S. Orsola di Bologna, che parlerà degli aspetti principaliScopri di più!

Se siete di Ravenna e siete di quelli “sempre sul pezzo”, sicuramente avete già sentito parlare di The Social Table. Altrimenti, ve la spiego in breve: si tratta di una piattaforma grazie alla quale si può partecipare a delle cene sociali in ristoranti della città, in cui conoscere altre persone con interessi simili ai propri. Il tutto, praticamente, al buio! Volete saperne di più? Detto, fatto: ho intervistato per voi i fondatori di questa originale startup per scoprirne dettagli, retroscena e curiosità varie! Com’è nata l’idea di The Social Table? Poco più di 1 anno fa lavorando ad un portale dedicato alla ristorazione ci èScopri di più!

Lo scorso weekend sono stata al Wellness Food Festival, fiera del benessere a 360° che si tiene a Cesena. C’ero già stata un anno fa e mi era piaciuta molto, per cui non vedevo l’ora di tornarci per scoprire le novità delle aziende che già conoscevo e magari scovare qualcosa di nuovo. Devo dire che anche quest’anno la manifestazione non si è smentita: è davvero interessante, ricca di workshop di vario genere (yoga, discipline sportive, ballo, showcooking, conferenze…) e con tanti stand fra cui curiosare. C’era una sezione dedicata allo street food che però non ho provato – un’amica si è fermata allo stand ThaiScopri di più!

Quando ho detto ai miei amici che sarei partita per un breve viaggio a Copenhagen, il commento di tutti è stato più o meno: “Bellissima città, ti piacerà ma… riempi bene la carta di credito prima di partire!” Si sa che, in generale, il nord Europa non è particolarmente economico, ma la capitale danese in particolare ha fama di essere una città carissima, dove per pranzare con un panino al volo si spende quanto da noi per una cena completa al ristorante. Per non contare il costo astronomico degli alberghi, quello dei trasporti pubblici e dei musei. Certo, non sono qui a sostenere che siaScopri di più!

Per me il Natale è relax, famiglia, grandi mangiate, ritrovare gli amici, godersi l’atmosfera… e i regali ne fanno sicuramente parte. Ma se c’è una cosa di cui sono convinta è che, soprattutto a Natale, non valga la pena spendere grandi cifre in oggetti preziosi e impegnativi: preferisco di gran lunga il valore “intangibile” che un oggetto porta con sé, piuttosto che quello di mercato. Un regalo è un “ti voglio bene”, un “ti penso” avvolto in carta colorata. Se siete d’accordo con me, ecco quindi 5 idee low cost ma di grande valore da cui potete prendere spunto per realizzare i vostri pensierini natalizi.Scopri di più!

…e anche quest’anno il Glutenfree Expo è passato. O meglio, loro ci saranno anche domani, ma è passato per me. Come l’anno scorso, sono andata in fiera sia sabato che domenica – prima per esplorare le novità insieme a Silvia di Eppur non c’è, poi per approfondire in solitaria la conoscenza delle aziende che mi parevano interessanti e seguire qualche showcooking. La prima impressione è stata che il padiglione fosse un po’ più vuoto dell’ultima edizione – o forse sbaglia la mia memoria? – ma che ci fossero parecchie novità. E in effetti, accanto alle riconferme immancabili dell’expo, c’erano alcuni assenti a sorpresa (ancora nonScopri di più!

Dico sempre che a me piace mangiare positivo, il che – come ormai avete capito – significa scegliere alimenti poco lavorati, con caratteristiche nutritive amiche del benessere, più naturali possibile… nel mondo vegetale, questo si traduce in frutta e verdura di stagione! Possibilmente bio, ancora meglio se a km zero o comunque a filiera corta. Spesso attingo dall’orto di mamma e zia, d’estate mi autoproduco i pomodorini, ma come fare per tutto quello che negli orti di famiglia non si trova? E soprattutto: come fare se non si ha un orto da cui rifornirsi (che forse è più comune)?! Al supermercato c’è una scelta vastaScopri di più!

Il post di oggi è un po’ anomalo rispetto al solito, ma in questo periodo come non mai lo sento necessario. Avete notato che sul blog, ultimamente, riesco a pubblicare veramente pochi post – e non vi nascondo che mi dispiace un sacco. Purtroppo è un periodo stressante, stracolmo di impegni, con il tempo libero quasi azzerato… e di solito, quando riesco a ritagliarmene un po’, mi spalmo sul divano con un libro o crollo direttamente a letto. Oppure cucino. Perché, in tutto questo, ovviamente continuo a cucinare, a sperimentare, a dare spazio alla mia voglia (e necessità) di mangiare positivo. Il problema è cheScopri di più!

Ormai siamo – più o meno – tutti tornati al lavoro dopo le feste, le scuole hanno riaperto i battenti, le bilance ci sbattono in faccia impietose il loro infausto verdetto… se volete evitare quest’ultimo problema fate come me: non procuratevene una! Io in casa non ce l’ho, e vivo benissimo. Ho messo su peso durante le feste? E chisseneimporta… l’unica cosa che mi interessa è essermele godute, senza fare troppi danni al mio corpo. Non intendo danni estetici, ma di salute. E in effetti un pochino lui sta protestando… ma ora lo sa che si rientra nei ranghi dell’alimentazione positiva, quella che ci piaceScopri di più!