In cinque post, ho stilato il mio personalissimo best of della gastronomia newyorkese, suggerendovi per quale locale optare nel caso abbiate voglia di: hamburger, hot dog o pizza; una cena di classe, un brunch o sushi; cupcakes, ciambelle o wafels; bagels, un pasto vegetariano o vegano, o addirittura aragosta; qualcosa da bere diverso dal solito caffè o una spesa al supermercato! Detto ciò, come vi avevo preannunciato, non posso esimermi dal fare anche una piccola classifica del “peggio di…”, anche se non è proprio la definizione precisa. In realtà qui vi segnalerò alcuni “falsi miti” della ristorazione nella Big Apple, ovvero quei posti che tuttiScopri di più!

Eccomi qua con la quinta ed ultima puntata della mia rubrica dedicata al best of di New York a livello mangereccio, tratta dal mio vecchio post Fate l’amore con il sapore. Le prime quattro puntate potete trovarle tutte qui, e vi consiglio di spulciarle se avete intenzione di fare una capatina nella Big Apple… o anche solo se volete viaggiare con la fantasia! 🙂 Oggi non vi parlo di ristoranti, ma di due “outsider” che non potevo non citare. Soprattutto Trader Joe’s: è assolutamente una delle cose che mi mancano di più da quando sono tornata a casa! Quindi ecco dove vi suggerisco di andare,Scopri di più!

Oggi si torna a New York, almeno idealmente, per continuare la rassegna sul cibo imperdibile! La prima puntata, in cui spiego com’è nata quest’idea, la potete trovare qui, mentre se cliccate sulla sezione “Cibo in giro per il mondo” trovate anche le successive. Mettete caso di trovarvi in giro per le strade di quella meravigliosa metropoli, attorno all’ora di pranzo. Vi do tre idee su dove andare nel caso abbiate voglia di… …un bagel: The Bagel Store a Williamsburg Il Bagel Store è uno dei locali che ho incredibilmente dimenticato di recensire nel post “Fate l’amore con il sapore”. Forse perchè quello che frequentavo ioScopri di più!

Per festeggiare il primo complemese del blog, condivido con voi una bella scoperta e la notizia che mi sono espansa anche su un’altra piattaforma! 🙂 L’altro giorno, grazie al link postato su facebook da un mio amico, ho scoperto l’esistenza di questa nuova community e, manco a dirlo, mi sono esaltata un sacco e mi sono iscritta immediatamente! D’altronde il sorridente cappello da chef che la faceva da padrone nel logo mi invitava platealmente a join the tastiest community on the web [unirmi alla comunità più gustosa del web], perciò non potevo esimermi. Ma cos’è questo “New Gusto”? In pratica è un social network perScopri di più!

Continua la mia rassegna sul meglio di New York, e stavolta passo ad occuparmi di dolci! Se vi interessano le puntate precedenti, potete cliccare qui e dare un’occhiata (nella prima puntata, vi spiego anche il senso di questi miei post)… altrimenti, leggete sotto. Immaginate di camminare per le strade della Grande Mela… all’improvviso, sentite un languorino, ma non è ora di pranzo nè di cena. Che fate? Dove potete correre per evitare una crisi ipoglicemica, se sentite un intenso craving per… …una cupcake: Chikalicious nell’East Village Purtroppo (o per fortuna) sono riuscita a visitare questo luogo incantato solo quando ero ormai agli sgoccioli della miaScopri di più!

Per concludere l’anno col botto, ecco a voi la seconda puntata dei miei personalissimi “best of” mangerecci newyorkesi (la prima la trovate qui)! In questo post, in particolare, è racchiuso il top del top, quindi tenetevi forte e siate pronti a far scorrere fiumi di acquolina! Allora ecco dove andare, se nella Grande Mela sentite un desiderio impellente di… …una cena di classe: The View Restaurant a Times Square Non so se ne abbiate sentito parlare, ma questo locale è famoso perchè ruota di 360° su se stesso, offrendo una panoramica completa di New York dall’alto. Si divide in lounge, dove potrete bere qualche drinkScopri di più!

Nei mesi che ho trascorso a New York, ho dato libero sfogo a tutti i miei desideri gastronomici – scelta della quale porto ancora i segni dopo tutto questo tempo (chiedetelo ai miei jeans che sono improvvisamente rimpiccioliti). In ogni caso non me ne pento assolutamente, perchè ho potuto sfatare il falsissimo luogo comune secondo cui “in America si mangia male”… col cavolo che si mangia male!!! Se si sa scegliere, si può mangiare meravigliosamente bene, soprattutto in una città come New York in cui sono presenti tutte le tradizioni gastronomiche del mondo! E’ stato così che mi sono ritrovata a scrivere, nel blog cheScopri di più!