Ripubblicazione di “Red velvet cake senza uova e senza glutine” per il contest “Idee per il menù delle feste”

Partiamo dal presupposto che ormai la mia famiglia è un lazzaretto… fra chi è intollerante alle uova, chi ha scoperto da poco di essere celiaco, chi deve seguire diete particolari… ce n’è per tutti i gusti. Per questo motivo, abbiamo rischiato un Natale senza cappelletti, al quale io mi sono strenuamente opposta – avendola vinta. Poi, chiaro, c’era un pentolone di cappelletti senza uova e con farina di kamut (sì, lo so, il kamut il glutine ce l’ha, ma diciamo che i celiaci della mia famiglia lo tollerano una tantum).
Anche se le feste sono il periodo in cui ci si concede qualche strappo alla regola – a meno che mangiare un certo alimento non ti faccia stare proprio malissimo – in ogni caso avere così tante “restrizioni” tutte concentrate in un’unica tavolata mette sicuramente alla prova e stimola la creatività culinaria. Abbiamo sperimentato alcuni piatti veramente interessanti, fra cui – modestamente – il dolce che ho preparato io: una torta red velvet, ricoperta di crema al formaggio, il tutto senza uova e senza glutine, quindi adatta per chi è intollerante alle uova o celiaco! Ovvio che non si tratta di una red velvet tradizionale ma di una sua rivisitazione… ma il risultato è stato apprezzatissimo e persino mia nonna, che come la maggior parte delle nonne è una tradizionalista, ha chiesto il bis.

Torta dall'alto
Quando ho raccontato alla mia migliore amica di questa torta, mi ha chiesto sconvolta come fosse possibile creare un dolce con così tanti “senza”… ma non è poi così difficile. Ecco qui la ricetta! 🙂

Ingredienti

Per la base:
220 g di farina gluten free (si trova tranquillamente al supermercato e di solito contiene farina di riso e qualche amido)
30 g di farina di cocco
120 g di yogurt naturale magro (o anche intero)
120 g di latte
100 g di burro
240 g di zucchero
100 g di ricotta
2 cucchiaini di lievito vanigliato per dolci
1 cucchiaino di bicarbonato
colorante alimentare rosso (io ho usato quello in gel che non altera la consistenza dell’impasto)
1 pizzico di sle

Per la copertura:
marmellata di lamponi q.b.
125 g di philadelphia light (o normale)
150 g di ricotta
250 ml di panna da montare
80 g di zucchero a velo
1 bustina di vanillina

Per decorare: pistacchi non salati

Procedimento:

Burro e zucchero montati
Lasciate ammorbidire il burro a temperatura ambiente, poi montatelo con lo zucchero e successivamente aggiungete la ricotta, continuando a mixare.
In un recipiente mischiate yogurt e latte, in un altro farina gluten free, farina di cocco, lievito, bicarbonato e un pizzico di sale.Aggiungete questi due composti a quello di burro-ricotta-zucchero, alternandoli e continuando a mischiare con le fruste elettriche. Infine, unite all’impasto il colorante rosso – io ne ho usato circa un cucchiaino ma potete decidere le quantità al momento – e amalgamatelo bene in modo che risulti uniforme.

Base pronta per essere infornata
Imburrate una tortiera e cospargetela di farina gluten free (che faticaccia!), poi versatevi all’interno l’impasto, che risulterà piuttosto sodo, e livellatelo con una spatola.
Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti, poi lasciatela raffreddare completamente prima di toglierla dalla tortiera.

Base appena sfornata

Intanto che la torta si raffredda, potete preparare la crema per la copertura.

Composto di formaggi e panna montata
Niente di più semplice: basta che amalgamiate bene insieme philadelphia, ricotta, zucchero a velo e vanillina, utilizzando le fruste elettriche. A parte, montate molto bene la panna, infine versatela nel composto di formaggi e zucchero ed incorporatela usando una spatola con movimenti circolari dal basso verso l’alto.

Base ricoperta di marmellata di lamponi

Per la composizione finale della torta, ho proceduto così: una volta raffreddata completamente, l’ho ricoperta con un sottile strato di marmellata di lamponi, poi con la crema al formaggio – sia sopra che sui lati, realizzando anche delle piccole decorazioni con la siringa da pasticceria. Dopo di che, per dare un tocco più natalizio al tutto, ho sgusciato dei pistacchi non salati, cercando di privarli anche della pellicina viola perchè fossero più verdi possibile, e li ho disposti sopra la torta a forma di abete. Per ultimo, ho cosparso nelle zone “bianche” della torta delle briciole di impasto che erano rimaste attaccate alla teglia, in modo da ricordare la decorazione tradizionale della red velvet americana.
Ovviamente, voi potete guarnirla come meglio credete, largo alla fantasia!

Torta finita
Piccola accortezza: prima di servirla, tenetela in frigo almeno un paio d’ore.

Che dire: a noi il dolce è piaciuto molto… anche se io sono molto puntigliosa: inizialmente non ero soddisfatta perchè la consistenza della torta non era risultata proprio come avrei voluto – volevo un impasto soffice, invece questo è piuttosto “tamugno” (romagnolismo per dire “compatto e denso”). Nonostante ciò, ho superato le mie titubanze iniziali e devo dire che mi ha convinto! Il sapore dell’impasto ha un retrogusto molto aromatico di cocco, e la crema al formaggio era talmente buona – dolce, ma al punto giusto – che poi ho continuato a pulire il piatto di portata finchè non me lo sono tolto da sotto il naso.

Fetta di torta
L’hanno apprezzata tutti, anche i “normo-mangiatori” 😀 chiedendo persino il bis, sebbene fossimo alla fine di un pranzo luculliano, come sempre succede a Natale.

Quindi, tirando le somme: ricetta approvata, originale ma con uno sguardo alla tradizione, adatta a tutti, festiva e anche semplice da realizzare… provatela, poi mi direte cosa ne pensate! 🙂

Fetta addentata

Con questa ricetta partecipo al contest “Idee per il menù delle feste”.

Banner contest menu feste

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Acqua e Menta ha detto:

    Ciao Arianna! Anche la mia famiglia è un po’ così, quindi hai capito benissimo lo spirito del mio contest!! Anzi, spero troverai tra le ricette partecipanti idee interessanti per il prossimo Natale!! Complimenti per questa ricetta, fare torte senza uova è molto difficile, è l’intolleranza verso la quale sono meno preparata ma nel corso di quest’anno mi sono ripromessa di trovare delle soluzioni, e verranno indetti contest su questo tema quindi… stay tuned!! Grazie mille per aver partecipato, ti aggiungo subito nella pagina del contest Buona domenica e a presto!!

    Mi piace

    1. arielfoodie ha detto:

      Pensa che ho deciso che da domani provo anch’io a far la dieta senza glutine… già seguo una dieta abbastanza restrittiva per una patologia che ho, ma purtroppo ho altri problemuzzi ed è giunta l’ora di tentare con l’abolizione del glutine per un mesetto, chissà che non funzioni! 🙂
      Quindi prenderò ampio spunto dalle ricette partecipanti al contest prossimamente… e resto sintonizzata per tutto quello che verrà.
      Felice di averti trovato, buon pomeriggio a te! 🙂

      Mi piace

Lascia un commento - Leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...