Crumble di pesche senza glutine

Per chi non lo sapesse, il crumble è un dolce al cucchiaio composto da frutta e “briciole” di impasto…
…e indovinate un po’ di chi è questa ricetta, nello specifico? Ma di Marco Bianchi, ovviamente! 😀
Lo so che sembro monotematica, ma credetemi: approfondite la conoscenza di questo ragazzo e capirete perchè ormai la mia cucina segue così tanto i suoi consigli.

Domenica scorsa ho anche avuto il piacere di conoscerlo durante la presentazione del suo libro “50 minuti due volte alla settimana”, e mi sono trovata di fronte una persona gentile, disponibile, simpatica, carica di energia positiva ma soprattutto iper competente… l’ho ringraziato un centinaio di volte per quello che sta facendo per me e per tutti gli altri che hanno avuto la fortuna di incrociarlo sulla propria strada!
Quando mi sono presentata gli ho detto che ero “quella che gli aveva messo in bacheca la foto del crumble di pesche senza glutine
“, lui si è ricordato di me e ha commentato che vedendo la foto si è chiesto da dove avessi preso la ricetta, visto che la sua originale contiene glutine, e che quella senza sarebbe dovuta andare in onda pochi giorni dopo sui suoi canali. Gli ho risposto che ho semplicemente riadattato di testa mia la sua ricetta base… e mi ha fatto i complimenti. 🙂
L’incontro faccia a faccia con Marco mi ha dato una spinta che mi serviva, penso che la sua energia contagiosa me la porterò dietro quel tanto che basta per farmi mettere fra parentesi la mia pigrizia e ricominciare a muovermi un pochino di più… perchè, come ha ripetuto più di una volta, “mangiare bene non serve a niente se non si fa movimento”! E quindi…

Crumble dall'alto

Ma insomma, bando a tutti i discorsi, passiamo alla ricetta di questo crumble che è veramente spettacolare: attenzione perchè rischiate di mangiarne metà da soli non appena l’avrete cucinato! A me è successo così e anche Marco ha ammesso che questo è un piccolo – ma molto piacevole – effetto collaterale del dolce in questione…

Ingredienti:
60 g di farina di riso (meglio se integrale)
60 g di farina di mais (meglio se integrale)
20 g di fecola
40 g di mandorle
40 g di noci
50 g di zucchero di canna
300 g di pesche
1 mela
70 g di olio di semi spremuti a freddo
1 cucchiaino di cremor tartaro

Procedimento:
Lavate bene la frutta e tagliatela a cubetti piccoli (potete decidere voi se lasciare la buccia o meno… io l’ho lasciata solo su una delle due pesche), dopo di che adagiatela sul fondo di una tortiera ricoperta di carta forno

Frutta a dadini
In un recipiente a parte, mischiate tutti gli ingredienti secchi e la frutta secca tritata grossolanamente. Aggiungete l’olio e lavorate gli ingredienti a mano formando le famose “briciole” che compongono il crumble.

Crumble crudo

Versatele nella tortiera sopra la frutta e cuocete in forno già caldo a 180° per circa 35/40 minuti (magari usando il grill per gli ultimi 5 in modo che venga ben dorato).

Crumble cotto
Ecco qua, già fatto!
Come avete notato è una ricetta semplicissima, velocissima, e piena di aspetti positivi: oltre ad essere un dolce veramente spaziale – non scherzavo quando dicevo di averne mangiata mezza teglia da sola – grazie alla dolcezza della frutta che si unisce al croccante della frutta secca tostata, è anche ricco di omega 3 (proprio grazie a quest’ultima). Come sappiamo, questi acidi grassi aiutano a prevenire la degenerazione delle cellule cerebrali e ad abbassare il colesterolo cattivo… quindi, come tutte le ricette che prendono spunto da Marco Bianchi, anche questa è buona sia per il palato che per la salute!

Crumble impiattato
Ottimo sia a colazione, che a merenda, che come dessert. Ottimo per far mangiare la frutta ai bimbi riluttanti. Ottimo sia tiepido che freddo. Ottimo per quando si ha voglia di una coccola dolce ma non si ha molto tempo per prepararla. Ottimo per la salute… direi che meglio di così non si poteva fare! Ah sì ecco: è anche senza glutine! 😉
Provate gente, provate questo crumble e non ve ne pentirete…

ps: la versione glutenfree del crumble è poi uscita sulla piattaforma di Marco… io ve la linko, ma non l’ho mai provata. Sulla riuscita della mia invece posso garantire! 😉

 

Lascia un commento - Leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...