Endometriosi e alimentazione

Come spesso ho già raccontato, da qualche anno sono volontaria nell’Associazione Progetto Endometriosi Onlus – un’associazione creata e portata avanti da donne con endometriosi, per fare informazione riguardo alla patologia e per dare sostegno alle altre donne che ne soffrono. Non entrerò ora nei dettagli di questa malattia, perché li potete trovare tutti sul sito – e spero che qualcuno/a di voi sarà abbastanza curiosa da aprirlo e spulciarlo un po’.

Annalisa partaLo scorso venerdì sera, in provincia di Ravenna, c’è stata una bellissima conferenza organizzata da noi volontarie, in cui si è parlato di come l’alimentazione possa rivelarsi un grosso alleato nelle problematiche correlate agli ormoni e, in specifico, all’endometriosi.
La relatrice era la Dott.ssa Arianna Rossoni, una dietista giovane, preparatissima, chiarissima nell’esporre e mossa da una passione che non è da tutti. Una persona rara, insomma, che siamo felici di avere incontrato e da cui abbiamo molto, moltissimo da imparare – e se volete sapere qualcosa di più su di lei, spulciate il suo sito Alimentazione in Equilibrio.
Oggi, con questo post, vorrei tentare di riassumere le nozioni fondamentali che lei, venerdì sera, ha esposto a una platea numerosa e attenta – e, mi auguro, desiderosa di mettere in pratica tutti i consigli ricevuti.

Arianna parla

La prima cosa da tenere presente, quando si parla di benessere psicofisico nella donna, è che questo è influenzato dagli ormoni, per cui le diverse fasi del ciclo si riflettono nel nostro stato fisico, mentale, emotivo e così via. La fase più “critica”, più difficile da gestire se non si è consapevoli delle sue peculiarità, è quella progestinica – ovvero quella pre-flusso mestruale – che nei casi più estremi può portare a una vera e propria sindrome premestruale.
Come “tenere a bada” i possibili effetti negativi degli ormoni, quindi? Beh, ad esempio con l’alimentazione. In questa fase, bisognerebbe limitare fortemente l’assunzione di alcol, zuccheri semplici, dolcificanti artificiali, glutine, latticini, caffeina e soia.

Miglio
Miglio con pomodori secchi, zucchine, topinambur e porri offerto da CeccoliniBio

Ma entrando nello specifico dell’endometriosi, in cui spesso il ciclo della donna è controllato – o addirittura messo a riposo – tramite pillola anticoncezionale, perché bisognerebbe seguire una dieta particolare? Intanto perché l’endometriosi è una malattia infiammatoria, e questa infiammazione – nonché il dolore ad essa collegato – può essere diminuita tramite un’alimentazione ad hoc. In più, molte donne che soffrono di questa patologia hanno anche problemi di colon irritabile – e anche questi si possono tenere sotto controllo con la giusta alimentazione.
Le regole da seguire, volendole sintetizzare al massimo, sono queste:

  • Aumentare il consumo di pesce ricco di omega-3 (preferite il pesce azzurro, pescato e non allevato)
  • Consumare frutta secca ricca di grassi monoinsaturi e omega-3 (scegliete quella senza pellicina se avete problemi di gonfiore addominale)
  • Usare esclusivamente olio extravergine di oliva come fonte di grasso da cucina
  • Eliminare insaccati e prodotti confezionati di qualsiasi tipo
  • Aumentare il consumo di molecole antinfiammatorie (ad esempio curcuma, zenzero, estratti di frutta e verdura, cannella, tè verde)
  • Diminuire o eliminare il glutine
  • Diminuire o elimininare i latticini (non basta solo scegliere quelli senza lattosio, perché la caseina – la proteina che contengono – risulta problematica)
  • Per limitare i problemi dovuti a colon irritabile: diminuire l’apporto di fibra vegetale (verdura, frutta, alimenti integrali, frutta secca con la pellicina); fare attenzione a: cavoli/broccoli&co., porri, cipolle, aglio, frutta con nocciolo, latticini, sostituti dello zucchero con il nome che finisce in “-olo”, melone, anguria, segale; evitare di consumare caffè e alcolici
  • Non far mancare fonti di magnesio (fichi, crema al 100% di mandorle, tahin, cacao/cioccolato raw, avena, riso semintegrale)
  • Consumare tisane di finocchio e cumino oppure di limone e zenzero
  • Scegliere alimenti a basso indice glicemico (ad esempio preferire il riso basmati a quello carnaroli)
  • Bilanciare i piatti ad ogni pasto (se scelgo di pranzare con un piatto di pasta o riso, aggiungo un grasso – ad esempio frutta secca – o delle proteine – legumi, carne bianca o pesce)

Tutte queste indicazioni sarebbero da seguire soprattutto in fase premestruale – momento in cui chiunque ne può trarre beneficio – ma per chi soffre di endometriosi sarebbe bene estenderle alla dieta di tutti i giorni…

Burger di ceci, alga kombu, verdure, semi di sesamo e girasole offerti da CeccoliniBio
Burger di ceci, alga kombu, verdure, semi di sesamo e girasole offerti da CeccoliniBio

E credetemi, tutto questo non porta a rinunce o fatiche insostenibili, non sarete costrette a mangiare piatti tristi e insapori… io, da quando ho scoperto che esisteva un tipo di alimentazione “amico” dell’endometriosi (e del benessere, in generale), ho iniziato a modificare la mia dieta. E’ una cosa da fare per gradi, soprattutto se avete abitudini alimentari molto radicate e molto lontane dai suggerimenti che vi ho riportato. Ma vi voglio spronare ad essere curiose, a non farvi spaventare dai pregiudizi o dalla paura di abbandonare un terreno conosciuto… scoprirete un mondo di sapori e colori nuovi, imparerete ad usare alimenti che potranno sembrarvi inconsueti, il vostro palato ne sarà felice e soprattutto lo sarà il vostro corpo, che si sentirà meno affaticato, meno dolorante, meno gonfio.

Dolcetti
Biscotti con datteri e mandorle e mezzelune con purea di albicocche, tutto vegan e offerto da CeccoliniBio

Non vi sto parlando così per convincervi a fare questo cambiamento. Non ci guadagno niente, che voi lo facciate o meno. Ma l’ho provato sulla mia pelle: io sono una golosa senza paragoni, amo mangiare e cucinare da quando ero una bimba, le privazioni alimentari fanno parte di una piccola parentesi della mia vita passata dalla quale mi tengo ben alla larga. Per me, il cibo deve essere buono, deve procurare piacere, deve essere un mezzo di condivisione e unione – ma, adesso, penso che debba anche essere un alleato. Sfruttiamone le potenzialità, conosciamo i principi nutritivi contenuti negli alimenti che consumiamo, studiamo cosa ci fa bene e cosa no, facciamolo diventare nostro amico… impariamo a mangiare positivo. Da tutti i punti di vista!
La mia alimentazione è in continuo divenire: più passa il tempo, più studio, più persone competenti conosco e più cerco di apprendere da loro… ma una cosa ve la posso garantire: da quando “mangio positivo” mi conosco di più e sto molto, molto meglio.

Sala piena

Per concludere questo post, voglio nuovamente ringraziare la Dott.ssa Arianna Rossoni di Alimentazione in Equilibrio che ci ha veramente regalato una serata unica, interessante e ricca di spunti. Ringrazio anche CeccoliniBio, che ha offerto il gustosissimo buffet coi piatti che avete visto sopra.
E poi voglio chiedervi: voi siete fra gli abitudinari o i temerari dell’alimentazione?
Fate parte anche voi del gruppo che, a un certo punto, per qualche motivo (come può essere la scoperta dell’endometriosi nel mio caso), ha iniziato a “mangiare positivo”? Sono curiosa di sentire le vostre storie – e perché no, di raccontarle! 🙂

N.B.: Questo mio post non è assolutamente esaustivo sull’argomento… rimando al sito Alimentazione in Equilibrio, linkato sopra, per tutti i dovuti approfondimenti! Il mio scopo è solo quello di offrire spunti di riflessione e, perché no, di cambiamento.

 

11 commenti Aggiungi il tuo

  1. Senza è buono ha detto:

    Ciao Arianna, piacere di conoscerti! Approdo sul tuo blog per caso, grazie a Facebook e per caso leggo che sei una volontaria dell’associazione Progetto Endometriosi Onlus… conosco molto bene questa patologia, tramite amiche che ne soffrono e confermo ciò che scrivi: la rivoluzione comincia con l’alimentazione, con l’introduzione della curcuma che è un potente antinfiammatorio, con l’eliminazione del glutine e degli zuccheri. Non è semplice, ma neppure impossibile. Voglio ringraziarti per aver scritto questo post e per la tua sensibilità nel trattare un argomento così delicato 🙂 Un abbraccio, Leti

    Mi piace

    1. arielfoodie ha detto:

      Grazie a te Leti!
      Anche io ti ho scoperto pochi giorni fa grazie a facebook e ne sono molto contenta! 🙂
      Sono felice che chi è già sensibile all’argomento di questo post lo trovi utile… la mia vita è veramente migliorata da quando seguo questo tipo di alimentazione, e posso garantire che è così per tante altre donne. Spero che anche chi è ancora dubbiosa molli gli ormeggi e provi! E spero anche che parlarne aumenti l’informazione sia per chi ne soffre che per chi nemmeno sa cosa sia l’endometriosi…
      Insomma, questo post vuol dire davvero tanto per me e sono felice che venga apprezzato, quindi grazie! 🙂

      Mi piace

      1. Senza è buono ha detto:

        Arianna,sono felice che la tua vita sia cambiata in meglio 🙂 sei una ragazza coraggiosa e sei un vero esempio per molte donne, quindi ti dico: continua così! Un abbraccio, Leti

        Liked by 1 persona

      2. arielfoodie ha detto:

        Grazie ancora, un abbraccio a te! 🙂

        Mi piace

  2. Alessia Calzolari ha detto:

    Bellissimo il concetto di “mangiare positivo”! 🙂

    Mi piace

    1. arielfoodie ha detto:

      Grazie… più passerà il tempo e più mi impegnerò per far comprendere questo concetto! 🙂

      Mi piace

      1. Alessia Calzolari ha detto:

        Idem! Quindi siamo almeno in due! 😉

        Mi piace

      2. arielfoodie ha detto:

        Two is meglio che one! 😀

        Mi piace

Lascia un commento - Leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...