Fiera del turismo di Rimini: suggerimenti e considerazioni di una novellina

il

Dal 12 al 14 ottobre, a Rimini, si è svolto il TTG Incontri, ovvero una delle fiere del turismo più importanti d’Italia.

Logo TTG Rimini

Potevo forse non andare in esplorazione, io?
Ma no, certo che no.

E quindi non solo sono andata, ma ho cercato di trarre il massimo dall’esperienza, visitandola sia venerdì mattina che sabato.

Alla luce della mia prima volta al TTG, ho pensato di condividere con te – che magari l’anno prossimo sarai nella mia stessa situazione – alcune considerazioni e dei suggerimenti, spero preziosi (soprattutto se sei un blogger).

Considerazioni sul TTG Incontri

  1. Preparati a veder schizzare ai massimi storici la tua voglia di partire.
    Ma che dico partire: di mollare tutto nell’istante preciso in cui entrerai alla fiera, montare sul primo aereo e fare il giro dei paesi del mondo senza tornare più.
    Manifestazioni di questo genere sono fantastiche, perché mettono in moto le energie, offrono spunti e ispirazioni e permettono di scoprire luoghi che magari fino ad allora erano rimasti in secondo piano.
    Però ecco, il risvolto della medaglia è che sarà molto dura resistere alla tentazione di estrarre lo smartphone e comprare biglietti aerei a raffica.
    Io ti ho avvisato!

    Stand Argentina TTG Incontri Rimini

  2. Preparati a dover fare tanta attività fisica.
    Camminata veloce, slalom fra stand e visitatori, corsa all’ultimo gadget e sollevamento pesi.
    Ti consiglio di andare un po’ in palestra nelle settimane precedenti per rinforzare la muscolatura di spalle, braccia e gambe, oltre che per farti un po’ di fiato!
    Scherzi a parte: la fiera del turismo di Rimini è enorme (occupa tutto l’impianto fieristico, come il Sigep per chi c’è stato) quindi dovrai camminare parecchio fra un padiglione e l’altro.
    Oltre a questo, mano a mano che procederai fra i vari stand, raccoglierai un sacco di materiale informativo più o meno utile e di gadget vari. Questo succederà anche se all’inizio proverai a resistere.
    E ti ritroverai alla fine della fiera con 10 tote bag diverse, cariche di chili e chili di materiale, che peseranno sulla tua povera schiena.
    Oppure potrai fare come i veri viaggiatori, che non mollano mai il loro trolley e se lo portano anche al TTG, riempiendo lui e sollevando le proprie spalle dalla faticaccia.

    Padiglione C1 TTG Incontri Rimini

  3. Preparati a sentirti un po’ spaesato.
    La sensazione è che la fiera sia pensata soprattutto per gli addetti ai lavori, com’è giusto che sia.
    Infatti una metà (SIA e SUN) io l’ho completamente bypassata – anche se magari, se avessi avuto un po’ più di tempo a disposizione, un giretto ce l’avrei fatto, giusto così per ficcare un po’ il naso.
    E’ vero che può essere interessante anche per i semplici viaggiatori, che possono informarsi sulle mete più varie direttamente dagli operatori.
    Ma se sei un travel blogger… beh, se sei un travel blogger alla sua prima presenza lì, potresti sentirti un po’ spaesato. Per questo penso che tu debba prepararti prima. E quindi ecco i miei consigli per te!

Un travel blogger alla fiera del turismo: consigli pratici

Sarò breve, concisa e andrò dritta al punto con suggerimenti più concreti che posso:

  1. Sul sito del TTG, chiedi l’accredito stampa. In quel modo avrai diritto a entrare alla fiera prima dei normali visitatori e potrai accedere alla sala stampa (non che abbia dato una svolta alla mia esperienza, ma ho portato a casa qualche comunicato interessante su conferenze che mi ero persa).

    Italia TTG Incontri Rimini

  2. Sempre sul sito ufficiale della fiera, tieni d’occhio le iniziative per i blogger, soprattutto il Meet Your Blogger (MYB). E’ un workshop a numero chiuso, una specie di speed date in cui i travel blogger stanno seduti a dei tavolini e i rappresentanti dei vari enti o delle strutture passano a parlare. Molto interessante per stabilire diversi contatti in un tempo ristretto, anche se per ottimizzare devi…
  3. prendere appuntamenti prima della fiera! Sia in previsione del MYB, se parteciperai, sia in generale. Consulta il catalogo degli espositori, scegli le realtà in linea col tuo blog e col tuo target, e contattale in anticipo per prendere appuntamenti. Sì, va bene girellare per la fiera per farti ispirare da nuove destinazioni, ma per la mia esperienza posso dirti che tutti gli incontri con esito migliore sono stati quelli per cui avevo preso contatti.
  4. Vai preparato. Va bene avere un blog, ma oggigiorno quello possono averlo tutti. Non ti proporre come blogger navigato se in realtà hai scritto 10 post e il tuo sito viene visitato solo dalla fidanzata, dallo zio e dalla nonna quando glielo mostri tu durante il pranzo domenicale. Gli enti turistici o chi per loro non sono degli sprovveduti, sanno distinguere un lavoro ben fatto e onesto da uno gonfiato e con poca qualità di base. Non bruciare le tappe, ti tireresti la zappa sui piedi da solo.
    E se invece il tuo lavoro merita, preparati un media kit e dei biglietti da visita per presentarti al meglio e esporre quello di cui sei capace!

    Stand Guatemala TTG Incontri Rimini

  5. Se vuoi goderti il clou della fiera, scegli il giovedì e il venerdì. Se invece ti interessano soprattutto gli eventi per i blogger ma preferisci gironzolare con calma fra i vari stand, allora opta per la combo venerdì-sabato. Anche se, sappilo, il sabato a mezzogiorno la maggior parte degli espositori sbaracca… quindi cerca di arrivare presto la mattina, se no sarà stato un viaggio inutile.
  6. Gli ultimi due suggerimenti li maschero un po’ perché forse non dovrei dirli, ma… parcheggia al centro commerciale I Malatesta, che è proprio di fronte alla fiera ed è gratis, e portati il pranzo da casa, che quando è ora di mangiare lì dentro si fa la fila ovunque e il rapporto qualità-prezzo non mi sembra dei migliori (anche se non posso esserne certa, visto che io effettivamente il pranzo me lo sono portato da casa sul serio).

Che dici,  può bastare?

Aggiungo solo che, essendo io di Ravenna e dovendo lavorare venerdì pomeriggio, ho dovuto fare tutto di corsa e non mi sono potuta godere nessuno degli “after party” a cui i blogger erano invitati. Niente aperitivi, niente feste, e di conseguenza niente networking, che invece mi sarebbe piaciuto un sacco.
Conto, per l’anno prossimo, di ritagliarmi il tempo per partecipare anche a quelli, per vivere l’esperienza del TTG al completo.

Vista dal finestrino dell'aereo

In generale, comunque, le ispirazioni che ho raccolto sono veramente tante, così come i biglietti da visita che ho portato a casa.
Speriamo di riuscire a costruire qualche bella collaborazione… seguimi e lo scoprirai con me! 🙂

 

Lascia un commento - Leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...