2017, un anno di viaggi – e travel dreams per il 2018!

2017, un anno di viaggi – e travel dreams per il 2018!

Alzi la mano chi, a fine anno, non si mette a tavolino con se stesso a fare un bilancio dei mesi appena trascorsi.

Bilancio di fine anno

Io, stavolta, ne ho fatti due:
– un lungo elenco di tutto ciò che ho ottenuto nel 2017 grazie alla mia volontà, alle mie forze e al mio lavoro;
– un piccolo riassunto dei viaggi, lunghi o brevi, che sono riuscita a realizzare.

Quest’ultimo ho deciso di proportelo, perché spero magari di poterti ispirare nella scelta delle destinazioni per questo nuovo anno appena iniziato.

Il 2017 in appunti di viaggio

Copenhagen

Copenhagen highlights

Ho inaugurato l’anno passato partendo in solitaria per Copenhagen, proprio la mattina del primo gennaio.
Mai decisione fu più azzeccata: mi sono innamorata di quella città nordica, fredda fuori ma con un cuore caldo.
Ho imparato il significato della parole hygge, e ho capito quanto quel concetto di felicità nelle piccole cose mi risuoni dentro da sempre.
Fra l’altro, nella capitale danese ho mangiato benissimo – e questo non ha fatto altro che trasformare la scintilla in fuoco facendo nascere in me il desiderio di tornarci in futuro, magari per restare qualche mese.

Al mio ritorno ho scritto due post che potrebbero tornarti utili se pensi di visitare questa destinazione:

Barcellona

Parc Guell Barcellona

Il secondo viaggio in solitaria è stato in primavera, a Barcellona.
A parte aver beccato un freddo allucinante, ho scoperto un amore per l’architettura che non pensavo di avere.
O meglio, diciamo che ho visto da vicino le opere di quel genio inaudito che era Gaudì, e ho perso la testa – mi sono anche ritrovata a piangere per la meraviglia dentro la Sagrada Familia, pensa un po’.
Per il resto, faccio coming out: la città è molto bella ma non ci ho lasciato il cuore – ma siccome è tutta questione di gusti, magari tu potresti innamorartene come non mai.

Anche in questo caso ho scritto un articolo con tutte le indicazioni necessarie su dove mangiare senza glutine nella capitale catalana.

Indonesia

Pura Lempuyang Bali

Come ormai ho raccontato in tutti i luoghi e in tutti i laghi, l’Indonesia è stato il mio primo viaggio in solitaria “impegnativo” (se si esclude quando a 24 anni sono partita da sola per andare a vivere a New York), ma soprattutto è stata la mia prima volta in Asia e anche la prima esperienza zaino in spalla.

Prima di partire mi ero preparata un bell’itinerario di massima, che ho adeguato un po’ alle mie esigenze del momento, per avere un’idea di come organizzare le tre settimane che avevo a disposizione.

Una volta lì non ho fatto altro che farmi rapire dai templi più belli che abbia mai visto, dalla giungla più verde che potesse essere creata, dal cibo più buono che potessi desiderare, dal mare più azzurro in cui mi potessi tuffare…
Insomma, anche lì ho lasciato un pezzo bello grosso di cuore, sparso fra i top della “mia” Indonesia.
Incredibile come viaggiando si possano spargere pezzetti di sé qua e là… con la speranza di andarli a raccogliere poi, il prima possibile.

Pachamama Gili Air beef bowl senza glutine

Per quanto riguarda il lato goloso della situazione, che come sai mi sta sempre molto a cuore, ho scritto diversi post che spero potranno tornarti utili (oltre che farti venire fame):

Inutile dire che ti consiglio di partire non appena potrai per questo paese incredibilmente ricco e variegato.

Bologna

In bici a Bologna con Sharewood

Beh, non è esotica come l’Indonesia, non è hygge come Copenhagen, è estremamente vicina a casa ma non l’avevo mai visitata “da turista”… e invece nel 2017 mi sono concessa anche questo: una bella gita in bicicletta a Bologna, insieme a Sharewood e BikeinBo, ma soprattutto insieme alla mia amica Selene di Viaggio Sostenibile (che, fra parentesi, è uno dei bei regali che l’anno appena concluso mi ha fatto).

Lì ho anche pranzato a suon di piadine senza glutine (e, volendo, vegetariane) da Aldina Glutenfree, localino delizioso fuori dal centro che ti consiglio assolutamente di provare.

San Marino

Piazza della Libertà Natale San Marino San Marino

Anche questa destinazione è decisamente vicina a casa, ma è pur sempre uno stato estero.
C’ero stata da bambina e non ricordavo assolutamente nulla, se non i negozi… ci sono tornata a dicembre, e i negozi non li ho degnati di uno sguardo.
La mia attenzione era tutta per le decorazioni natalizie e le lucine che illuminavano il centro storico di San Marino per il Natale delle Meraviglie.
Anche in questo caso non mi sono fatta scappare una cena senza glutine, e ho scritto un post in cui trovi tutte le informazioni sulla manifestazione, sul lato mangereccio e anche su dove dormire.

…e nel 2018?

Non si può mica iniziare l’anno senza sogni e progetti, giusto?!

Travel dreams 2018

I viaggi che farò sicuramente sono, per ora, due:

  • Tenerife a febbraio (stavolta non in solitaria, ma con mia mamma! Il nostro primo viaggio di coppia)
  • Stoccolma a luglio (ci tornerò dopo 10 anni di assenza, in compagnia di un amico, in occasione di un concerto di Ed Sheeran!)

Quelli che spero di poter realizzare (insomma, sono già con il dito rischiosamente pronto sul mouse):

  • tornare a Bali e restarci un paio di mesi (magari aggiungendo qualche altra destinazione nel Sud Est Asiatico)
  • esplorare l’Italia in lungo e in largo con piccole capatine a basso costo ma alto livello di soddisfazione
  • vedere l’aurora boreale, in Islanda o in Norvegia

Il sogno: volare in Sud America, non solo per gironzolare fra cascate, montagne e città, ma soprattutto per andare a conoscere la mia bimba adottata a distanza in Paraguay – magari facendo volontariato con la “nostra” associazione per qualche mese.

Riuscirà la nostra eroina a fare tutto ciò, nell’anno in cui sta cercando di dare la svolta definitiva alla propria vita?
Ai posteri l’ardua sentenza!

Intanto ti chiedo due cose:

  1. se sei già stato a Tenerife, mi suggerisci luoghi imperdibili da vedere o posticini dove mangiare?
  2. quali sono i tuoi travel dreams per questo 2018?

Buone avventure!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *